plus minus gleich
toggle
toggle

Novità Raccolta Differenziata Loreto

Numero Verde Cosmari

Media Mensile
Raccolta Differenziata

Cosmari: i Costi e le tariffe applicati in provincia di Macerata confrontati a livello regionale e nazionale

E-mail Stampa PDF

Analizziamoli insieme: innanzitutto la media della raccolta differenziata in provincia di Macerata è ormai superiore al 71% contro il 49% regionale ed il 32% nazionale. Per quanto concerne la Tarsu il Cosmari è riuscito a assicurare un sistema di smaltimento che consente ai cittadini dei Comuni maceratesi di pagare in media 1 euro e 29 per metro quadro mentre la media regionale prevede una tassa di 1 euro e 82 centesimi per metro quadro. Molto più alta la media nazionale pari a 2 euro e 14 centesimi per metro quadro.

Significativi anche i costi praticati dal Cosmari per lo smaltimento dei rifiuti malgrado gli aumenti dati dalla mancanza di una discarica comprensoriale. Ad esempio la tariffa trattamento meccanico biologico fatta al Cosmari (indifferenziato e rifiuto secco) costa nella nostra provincia 86 euro/tonnellata, a livello regionale 90 euro/tonnellata (dati riferiti all’Emilia Romagna in quanto non disponibile per le Marche) e a livello nazionale 100 euro/tonnellata. La tariffa media applicata ai comuni maceratesi per il trattamento dell’organico è di 47 euro/tonnellata contro i 66 euro/tonnellata applicati a livello regionale (dati riferiti all’Emilia Romagna in quanto non disponibile per le Marche) ed i 70 euro/tonnellata applicati su scala nazionale.


Nei giorni scorsi è stato approvato a larga maggioranza anche il Bilancio del Cosmari. E’ bene precisare che lo stesso è stato predisposto cercando di non gravare sui Comuni soci. Infatti sono rimaste invariate le tariffe di raccolta e smaltimento della frazione organica, di trattamento di tutti i rifiuti differenziati (carta, cartone, plastica, vetro, alluminio, ecc.) mentre è aumentata soltanto la tariffa per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati RSU andando ad incidere maggiormente su quei Comuni che hanno una percentuale bassa di differenziata mentre tutti gli altri, che praticano il Porta a Porta, hanno economie o comunque aumenti minimi, pari a quelli che sono gli adeguamenti Istat. La politica tariffaria prevede anche un ecoincentivo che sarà assegnato ai Comuni che hanno superato il 60% di raccolta differenziata con l’intento di abbattere le tariffe.

Il Bilancio 2012 è stato redatto contenendo i costi (ad esempio i componenti del CdA non hanno nè compensi, nè rimborsi), ottimizzando le spese, riducendo le consulenze e andando a risparmiare oltre 1 milione di euro che servirà a coprire parte dei maggiori costi che si dovranno sopportare, circa 2 milioni di euro, per l’abbancamento dei rifiuti fuori provincia. La migliore testimonianza di tutto questo lavoro è sicuramente il risultato ottenuto al Premio Comuni Ricicloni 2012, promosso dalla Regione Marche e da Legambiente, dove ben 36 riconoscimenti su 58 sono stati assegnati per i risultati raggiunti nella raccolta differenziata ai Comuni della provincia di Macerata.

Tariffe più basse per i servizi, tasse contenute per i cittadini, percentuali importanti di raccolta differenziata. Questi gli obiettivi centrati dal Cosmari.

 

Il presente sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in "Raccoltaportaaporta" acconsenti al loro uso; Per ulteriori informazioni visita la nostra pagina web privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information