plus minus gleich
toggle
toggle

Novità Raccolta Differenziata Loreto

Numero Verde Cosmari

Media Mensile
Raccolta Differenziata

L’ASSEMBLEA DEI COMUNI HA APPROVATO IL BILANCIO PREVENTIVO DEL COSMARI Bilancio superiore ai 31 milioni di Euro e previsti oltre 15 milioni di euro di investimenti

E-mail Stampa PDF

Molti gli interventi che si sono susseguiti e dove i Sindaci hanno rappresentato il loro punto di vista, portando diversi contributi, volti a migliorare ulteriormente, nel suo complesso, il sistema economico, gestionale e dei servizi del Cosmari, anche tenendo conto di quelli che sono gli impatti ambientali sulle popolazioni vicine sia agli impianti consortili che agli impianti di abbancamento.

Per quanto concerne il Bilancio di previsione 2012 le tariffe, malgrado i benefici del porta a porta che ha comportato una sostanziale riduzione dei rsu, subiscono purtroppo una modifica dovuta alla mancanza di una discarica di appoggio che sta comportando una maggiore spesa di 2 milioni di euro per l’abbancamento dei rifiuti fuori provincia, per cui si applicherà un aumento del 12% sullo smaltimento dei rsu mentre rimangono invariati per tutte le altre categorie di raccolte e di rifiuti.
In pratica il prezzo di smaltimento rsu conferiti in discarica o impianto sarà pari a 149 euro/ton per i comuni al di sotto dei 1.660 abitanti e di 218 euro/ton per tutti gli altri comuni; il prezzo applicato per il servizio di raccolta differenziata sarà di 1.60 euro/abitantexanno che viene ridotto a 0,80 euro/abitantexanno per i comuni dove si effettua il porta a porta.   
Nel proprio intervento il Presidente FF Daniele Sparvoli ha sottolineato che il bilancio è pesantemente condizionato dall’impatto economico dato dall’abbancamento dei rifiuti solidi urbani fuori provincia. Va evidenziato – ha sottolineato Sparvoli - che l’aumento è comunque contenuto, sotto al 5%, per tutti quei comuni che hanno superato il limite di legge del 60% di raccolta differenziata. Dalle simulazioni eseguite sui comuni soci, emergono situazioni complessive di costo che in alcuni casi invariate, in molte altre invariate e solo in alcuni casi superiori ai costi dell’anno precedente. Ad oggi -  ha ancora ricordato il Presidente – l’impegno del Cosmari è tutto rivolto verso l’attuazione della discarica di Cingoli, per la quale è stato aggiudicato l’appalto, avviato il procedimento espropriativo e creato le premesse per l’adozione della copertura economica attraverso la concessione del relativo mutuo.

Il conto economico del Bilancio 2012 (valore della produzione) ammonta in totale a 31 milioni e 270 mila euro. Gli investimenti previsti sono pari a 15 milioni e 200 mila euro.
A tal proposito gli investimenti riguardano il deciso potenziamento degli impianti di recupero per far fronte al forte incremento della raccolta differenziata. Capitolo a parte merita la nuova discarica comprensoriale di Cingoli che, salvo sentenza opposta del Consiglio di Stato, dovrà essere avviata nell’ambito dell’esercizio finanziario 2012. Nello specifico sono stati appaltati: i lavori relativi al potenziamento dell’impianto di selezione manuale dei materiali da raccolta differenziata per un importo di 3 milioni e 550 mila euro (ampliamento capannone esistente, raddoppio della linea di selezione e della linea di pressatura e introduzione dei lettori ottici); progetto per la riorganizzazione e l’adeguamento della linea di trattamento meccanico biologico della frazione organica dei rifiuti urbani che prevede una spesa complessiva di 2 milioni e 350 mila euro; primo stralcio funzionale per la minimizzazione degli impatti per una spesa di 338 mila euro.
Il CdA ha approvato il progetto per l’istallazione di pannelli fotovoltaici sui tetti dell’impianto per una spesa di 1 milione e 800 mila euro. Tra gli investimenti segnaliamo l’attuazione dell’impianto di fermentazione anaerobica con la valorizzazione energetica della forsu e della fos. Inoltre 330 mila euro verranno impegnati per l’acquisto delle maniche catalitiche della linea di incenerimento e per le opere accessorie.
Per quanto riguarda le discariche, in bilancio, sono stati previsti 4 milioni e 500 mila euro per la realizzazione del primo stralcio dell’impianto di abbancamento consortile di Cingoli e 1 milione di euro per l’impianto di pressatura dei sovvalli in balle per razionalizzare l’abbancamento in discarica. Previsto anche 1 milione e 864 mila euro per il risanamento dell’ex discarica di Tolentino e 150 mila euro per la ricomposizione della ex discarica di San Severino Marche.

Si prevede, per questo 2012, che la gestione degli impianti costerà al Cosmari oltre 15 milioni e mezzo di euro mentre per le raccolte differenziate, compreso il porta a porta, si prevede di spendere circa 15 milioni di euro circa.
 

Il presente sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando comunque in "Raccoltaportaaporta" acconsenti al loro uso; Per ulteriori informazioni visita la nostra pagina web privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information